brexit

Gli Effetti della Brexit per gli Italiani in UK

Dominato da numerose polemiche, paure ma soprattutto dal populismo  dei media britannici che colpevolizzano l’immigrazione per gli effetti della crisi e della disoccupazione il referendum della Brexit ha decretato l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Ma cosa succederà agli italiani che vivono in territorio Britannico?

Sicuramente lo scenario di Brexit è stato percepito come un colpo al cuore del sogno europeo, non è stato però così sorprendente per molti l’esito del referendum con la conseguente uscita del Regno Unito dall’Unione Europea.

Dubbi e Psicosi per gli Italiani in  Uk

Diverse sono le incertezze e i dubbi che gli italiani si chiedono sulle possibili conseguenze dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, soprattutto circa i consumi, i prezzi, la sanità e i progetti Erasmus.

Ancora però è realmente troppo presto per stilare una serie di effetti causati dalla Brexit per gli italiani all’estero, anche se molti nell’incertezza e nel clima di instabilità si sono lasciati prendere dal panico.

La sensazione generale degli italiani che lavorano in Inghilterra è di smarrimento e grande incertezza, sicuramente l’idea di progettualità ha lasciato spazio alla paura e alla profonda incertezza legata al futuro, quasi un senso di insicurezza generale  che ha diffuso angoscia e insicurezza psicologica.

C’è chi sta investendo sul mattone acquistando una casa in Inghilterra, e chi invece sta richiedendo la cittadinanza inglese, altri invece un passaporto inglese, nonostante ancora non ci siano certezze sugli effetti della brexit sono numerosi gli italiani che preferiscono correre ai ripari.

Cosa Cambierà Effettivamente per gli Italiani nel Regno Unito?

Uno degli effetti negativi della Brexit è sicuramente la caduta libera della sterlina che rappresenta uno degli scenari foschi per i mercati finanziari, registrando il peggior picco rispetto al dollaro dal 1985.

Oltre alle macro conseguenze che la Brexit inevitabilmente causa, prima fra tutti il crollo delle borse, diversi sono i cambiamenti ai quali gli italiani dovranno assistere nei prossimi anni. Dalla reintroduzione delle frontiere alle condizioni dei connazionali che vivono nel Regno Unito, alla riorganizzazione del Progetto Erasmus, oltre alle possibili modifiche per ciò che riguarda la sanità.

Va precisato però che non ci sarà nessuna conseguenza a breve termine, in quanto il Regno Unito impiegherà anni per completare l’uscita dall’Unione Europea, negoziando tutte le condizioni che riguardano i permessi di soggiorno, fino alle disposizione per ciò che riguarda gli scambi commerciali e la sanità.

Chi vive nel Regno Unito già da cinque anni può scegliere se richiedere la cittadinanza per evitare future complicazioni, ma la situazione potrebbe cambiare anche se ancora oggi non c’è alcuna certezza.

Potrebbe essere necessario presentare un permesso di soggiorno per lavoro o un permesso generico di breve durata per riuscire a soggiornare in Gran Bretagna.

Al momento tutte le cure mediche sono assolutamente gratuite per tutti i cittadini dell’Unione Europea, nel caso in cui dovessero avere necessità di cure mediche durante i soggiorni temporanei in Uk, situazione che potrebbe non essere più valida, a meno che non riescano a trovare degli accordi come quelli in vigore in Svizzera, che coprono quasi tutti i costi per le cure mediche “impreviste”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *